Il Kosmic Kart Racing Department non riesce a concretizzare appieno il proprio potenziale nel primo round dell’OK e OKJ FIA Karting European Championship, in cui comunque conferma la competitività del pacchetto Kosmic-Vortex.

Il Kosmic Kart Racing Department nel primo round del FIA Karting European Championship ancora una volta si dimostra estremamente competitivo, ma la trasferta spagnolo si rivela più complicata del previsto per i nostri piloti, troppe volte vittime di episodi di gara che li privano di risultati altrimenti alla loro portata. La velocità che i nostri portacolori sono infatti in grado di esprimere a bordo dei loro Kosmic Mercury R motorizzati Vortex sul Circuito Internacional de Zuera è in linea con quelle di vertice, cosa che ci lascia un pizzico di amaro in bocca, ma ci fa anche guardare con ottimismo ai prossimi appuntamenti.

Il fine settimana di Luigi Coluccio comincia infatti con il piede giusto facendo registrare il secondo tempo nel suo gruppo di qualifica della categoria OK. Nonostante l’ottimo avvio, Coluccio deve anche fare i conti con un ritiro nelle Heats che lo farà scivolare indietro nella graduatoria e, di conseguenza, nella griglia di partenza della finale. Qui, l’italiano dà ancora prova delle sue capacità nello sfruttare il nostro materiale e recupera ben 13 posizioni riuscendo a entrare in zona punti.

Anche in OKJ i nostri piloti girano immediatamente su tempi convincenti, ma sono tante anche le circostanze che impediscono loro di fare bottino pieno. Ean Eyckmans entra subito in gara in qualifica facendo segnare il 4° tempo del suo gruppo prima di mettere in fila 4 piazzamenti in top ten nelle Heats, ma anche, purtroppo, un 17esimo posto. Alexander Gubenko è autore di un giro veloce e si fa largo nello schieramento per portarsi anche lui nei primi dieci per 4 volte prima di rimediare, come Eyckmans, un 17^ posizione nell’ultima manche. Tre ritiri, invece, impediscono ad Axel Malja, sesto nel suo gruppo di qualifica e con potenziale di stare abbondantemente nei primi dieci in tutte le Heats, di arrivare in finale.
Qui la sfortuna si accanisce di nuovo sui nostri piloti: la gara di Gubenko purtroppo termina subito a causa di un incidente in cui è coinvolto nel corso del primo giro mentre ad Eyckmans viene comminata una penalità post-gara per il musetto anteriore in posizione non corretta.

Il prossimo appuntamento con la pista per il Kosmic Kart Racing Department è previsto tra tre settimane, quando torneremo sul Circuito Internazionale di Napoli, a Sarno (Italia), per prendere parte alla seconda tappa del FIA Karting European Championship OK e Junior.