Sul Circuito 7 Laghi, i piloti del Kosmic Kart Racing Department continuano la progressione iniziata a Lonato ottenendo ottimi risultati su una pista resa difficile dalla pioggia.

Sulla scia degli ottimi riscontri ottenuti due settimane fa a Lonato, il Kosmic Kart Racing Department è autore di una notevole performance complessiva anche in occasione dell’ultimo round della WSK Open Cup disputato questo fine settimana. Nonostante il meteo incerto che movimenta le gare andate in scena sul Circuito 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, i nostri piloti riescono a sfruttare al meglio il binomio Kosmic Mecury R - Vortex, rimanendo nelle prime posizioni e dando prova di grande continuità.

In OKJ, il fine settimana di Alexander Gubenko comincia nel migliore dei modi grazie al terzo posto ottenuto nelle qualifiche. Alexander riesce a concretizzare quanto raccolto anche nelle manches, dove ottiene un quinto e due quarti posti, e in prefinale, dove conclude al quarto posto. Peccato per la finale, che si rivela più ostica di quanto sperato, complice una penalità a fine gara che fa perdere ad Alexander ulteriori posizioni.
Sempre una penalità rovina il risultato finale di Karol Pasiewcz, che fin dall’inizio del fine settimana deve lottare per risalire dopo delle qualifiche non brillantissime. Karol è comunque bravo a rimontare posizioni nelle heats , soprattutto, in prefinale, dove supera ben sette avversari, guadagnandosi l’ingresso alla gara decisiva.
La nostra nuova recluta Miron Pingasov è autore di un debutto promettente ma, sfortunatamente, deve fare i conti con un ritiro in finale, proprio mentre stava guadagnando posizioni.

Luigi Coluccio è autore di una prova all’altezza delle aspettative in OK. Sin dall’inizio, il nostro portacolori riesce a esprimere tutto il suo potenziale lottando per le primissime posizioni e, nelle manches, ottiene un terzo e un secondo posto che gli consentono di scattare dalla quinta casella in prefinale. Qui termina la gara al sesto posto. In finale, poi, Luigi dimostra nuovamente il suo valore, non perdendo mai il contatto con i primi e arrivando a issarsi fino in terza posizione. Alla fine, dopo una intensa battaglia e dopo aver ottenuto il giro veloce, sarà sesto, replicando il risultato della prefinale.

Conclusa la WSK Open Cup, al Kosmic Kart Racing Department rimane ora un’ultima prova da affrontare: la WSK Final Cup del prossimo weekend, in cui, sull’asfalto dell’Adria Karting Raceway, si sfideranno 60 Mini, OKJ, OK e KZ2.