I piloti del Kosmic Racing Department hanno incontrato alcune difficoltà nell'ultima tappa della WSK Final Cup a causa della pioggia che si è abbattuta sull'Adria Karting Raceway

Si spengono i riflettori sull'Adria Karting Raceway, sede dell'ultima tappa della WSK Final Cup che ha concluso la stagione agonistica 2018 del Kosmic Racing Department. Un appuntamento difficile, caratterizzato da una pioggia battente che si è rovesciata sulla pista veneta fin dal venerdì di prove libere e che ha condizionato le performance dei nostri piloti.

In particolare a Viktor Gustafsson, che dopo gli ottimi riscontri ottenuti nella seconda prova di Castelletto di Branduzzo aveva iniziato il weekend di Adria con il piede giusto, facendo segnare il quarto tempo assoluto in qualifica (1'04''470). Da qui il pilota svedese riesce a centrare due vittorie e un terzo posto durante le heat eliminatorie.

In queste condizioni, invece, si trova maggiormente a suo agio Axel Bengtsson, unico nostro portacolori nella classe regina KZ2 dove centra in qualifica il quinto tempo (1'05''309). Nelle manche il pilota svedese ottiene un sesto, un quarto e un terzo posto che gli danno fiducia per le gare conclusive del fine settimana. In Prefinale, però, Axel transita sotto la bandiera a scacchi in un 16esimo posto che lo costringe a partire in Finale dalle retrovie. Nella gara decisiva, quindi, si rende protagonista di una splendida rimonta che viene opacizzata da cinque secondi di penalità a causa della caduta del musetto del suo Kosmic Mercury S. In questo modo il suo risultato finale sarà un sesto posto assoluto che non gli rende giustizia se confrontato con l'impegno mostrato in pista fin dal venerdì di libere.

Con l’ultima tappa della WSK Final Cup si conclude per il Kosmic Racing Department la stagione agonistica 2018.